Occupazione suolo pubblico

Occupazione temporanea, permanente, passi carrabili, ordinarie

Tipologie di occupazione suolo pubblico

Occupazione temporanea

Sono temporanee le occupazioni per loro intrinseca natura di carattere non stabile, comportanti o meno l’esistenza di manufatti, impianti o comunque di un’opera visibile, (sedie – tavoli – arredi – ombreggi – cartelli pubblicitari – espositori – spettacoli viaggianti – cantieri e similari di carattere non durevole) realizzate a seguito del rilascio di un atto di autorizzazione ed aventi durata inferiore ad un anno, comprese quelle ricorrenti. In genere sono considerate temporanee anche le occupazioni abusive, salvo i casi di occupazione effettuate abusivamente con manufatti stabili.

Anche le tipologie di eventi di seguito descritti sono soggetti al rilascio dell’autorizzazione di concessione di suolo pubblico:

  • l’installazione di strutture per il pubblico spettacolo (es. palchi) nei casi sottoposti alla normativa degli artt. 68 e 69 del T.U.L.P.S ;
  • Manifestazioni temporanee;
  • Manifestazioni temporanee che che per dimensioni, rilievo sociale, culturale, turistico presentino caratteristiche tali da sostanziare un evidente interesse comunale (es. Festa patronale di Sant’Antonio, San Nicola, San Biagio, ecc);

Chiunque sia interessato ad occupare in via temporanea e precaria il suolo pubblico deve chiedere apposita concessione al Comune;

Occupazione permanente

Sono permanenti le occupazioni per loro intrinseca natura di carattere tendenzialmente stabile, che comportino o meno l’esistenza di manufatti, impianti o comunque di un’opera visibile (Chioschi – edicole – insegne pubblicitarie – tende e similari che presentano carattere durevole nel tempo), realizzate a seguito del rilascio di un atto di concessione. La durata di tali occupazioni è pari o superiore ad un anno e, comunque, non superiore a 29 anni, come disposto dall’art. 27, comma 5, del Decreto Legislativo n. 285 del 30.4.1992 e ss. modifiche ed integrazioni (Codice della Strada).

Passi carrabili

Per “passo carrabile” s’intende l’accesso dalla via pubblica ad un’area laterale che sia idonea allo stazionamento o alla circolazione dei veicoli (art. 3.37 CdS e art.22/2 Reg. CdS).

 

Procedure per occupazioni temporanea di suolo pubblico (procedura comune a tutte le tipologie)

Occupazioni ordinarie

Chiunque intende occupare nel territorio Comunale le aree e gli spazi di cui all’art. 2 del Regolamento COSAP vigente deve farne domanda con l’apposita modulistica al SUAP Comunale al fine di ottenere il rilascio dell’atto di concessione/autorizzazione (art. 11  Reg. Cosap).

 

N.B. Si ricorda che è necessario inoltrare l’istanza con l’apposita modulistica di seguito riportata, almeno 15 gg. prima per consentire i dovuti sopralluoghi, l’acquisizione dei necessari pareri di competenza di altri Settori e la conclusione del procedimento nel rispetto dei tempi previsti dalla L.241/90;

 

Iter proceduali

Le istanze dovranno pervenire nel rispetto dei tempi di istruttoria richiesti, pena l’improcedibilità e complete di tutti gli allegati indicati nell’apposita modulistica, pena la sospensione dell’iter procedurale fino ad acquisizione degli elementi mancanti. Il rilascio dei provvedimenti autorizzativi avverrà previa acquisizione di eventuali pareri e/o nulla osta di competenza di altri Settori e previa verifica dell’inesistenza di morosità contabili. Per le occupazioni permanenti con strutture soggette a Permesso a Costruire (impianti pubblicitari – Chioschi – Edicole ..) il Rilascio della Concessione permanente avverrà dopo aver acquisito la proposta di assenso al Permesso di costruire. Per le occupazioni permanenti con strutture soggette a SCIA, l’interessato dovrà ottenere prima il contratto di occupazione suolo pubblico allegando all’istanza la medesima documentazione che produrrà successivamente con la SCIA al competente Suap. L’improcedibilità della SCIA comporterà la revoca della concessione di suolo pubblico e la risoluzione del relativo contratto. I documenti da allegare alla istanza sono riportati nell’istanza stessa. I costi delle procedure (diritti di istruttoria, marche da bollo, spese contrattuali) necessari ad ottenere autorizzazioni e/o concessioni) sono riportate sul modello di istanza o sulla tabella diritti SUAP.

 

Canoni

I criteri e le tariffe dei canoni di occupazione suolo pubblico sono indicati all’interno del Regolamento vigente al CAPO V- TARIFFE art.32 – 33 – 34 – CAPO VI– AGEVOLAZIONI E ESENZIONI art.35-36. Il pagamento dei canoni deve avvenire sul c/c postale intestato a “Comune Minervino di Lecce – COSAP Servizio Tesoreria – sul C.C. Postale 12140737 – con causale “Diritti SUAP”,  ovvero preferibilmente sull’ IBAN: IT56 S076 0116 0000 0001 2140 737 con la medesima causale);

 

Norme

Regolamento comunale per l’istituzione e l’applicazione di spazi ed aree pubbliche approvato dal C.C. con atto nr. 49 del 29/12/1998 e modifiche e integrazioni giusta D.C.C. nr.29 del 29/06/2006

Informazioni

  • Responsabile del Settore: Dott. Salvatore Monteforte
  • Responsabile del procedimento: Dott. Salvatore Monteforte
  • Settore: Settore 3^ – SUAP, Ambiente e Protezione Civile
  • Ufficio: SUAP

Recapiti e contatti

  • Telefono: 0836 891063 interno 5
  • E-Mail: commercio@comune.minervino.le.it
  • Posta Certificata: protocollo.comuneminervino.le@pec.rupar.puglia.it

Ufficio e sede

Condividi

Ultimo aggiornamento

7 Ottobre 2020, 11:26